Scarpe da bambino, coperte e rifiuti: il Silos di Trieste rifugio per migranti

Nelle foto di Andrea Lasorte, il Silos di Trieste a gennaio 2021. C'è una baracca costruita dai migranti con coperte e altri materiali di fortuna. Attorno, abiti e spazzatura. Ovunque spiccano i segni del passaggio dei rifugiati: scarpe e altri vestiti. Tra questi anche una scarpa e il triciclo di un bimbo. Il Silos, infatti, talvolta è popolato da intere famiglie con i loro bambini piccoli. Sono anni ormai che l’edificio accanto alla Stazione ferroviaria viene occupato abusivamente dai disperati di passaggio che arrivano dalla rotta balcanica. L'ARTICOLO

Video del giorno

L'impressionante colata di ghiaccio dalla Marmolada vista dagli stessi escursionisti in salvo

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi