Genitori, insegnanti e alunni in piazza a Trieste contro l'uso delle mascherina a scuola

"Io queste mascherine le detesto" urla al microfono un bambino delle elementari. E giù gli applausi. Una domenica animata, quella del 15 novembre in piazza Unità a Trieste. Proprio nella giornata in cui nel Friuli Venezia Giulia entrano in vigore le nuove regole deIla stretta "arancione", continua a crescere fra la popolazione il malcontento per le limitazioni della libertà imposte. In mattinata è sceso in piazza il comitato Insieme per una scuola libera: una protesta organizzata per manifestare contro l'uso delle mascherine a scuola e in generale contro le restrizioni introdotte per limitare i contagi da coronavirus. Fra genitori, insegnanti e alunni ha partecipato una cinquantina di persone. Nel corso della manifestazione sono stati distribuiti anche volantini da parte dell'Associazione per la libertà di scelta delle terapie mediche (Alister) in cui si sostiene che il «covid è una falsa grave-epidemia». «L'uso delle mascherine - ha spiegato Walter Pansini di Alister - comporta danni, anche dati ufficiali di studi internazionali lo confermano».

 

Foto di Francesco Bruni. Il video

Egg muffin con broccoli e feta

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi