I volontari a Shikovo per riportare alla luce i resti di 12 soldati italiani

Nella fosse comune di Shikovo, nei pressi di Kirov, in Russia, un gruppo di volontari italiani, uomini e donne, ha sacrificato per due anni consecutivi le proprie ferie estive e utilizzato i propri risparmi per scavare 12 ore al giorno e riportare alla luce così i resti dei militari, morti durante la Campagna in Russia, nella II guerra mondiale, costata la vita a 90mila connazionali. Le spoglie di 12 soldati (di cui due noti) verranno inumate il prossimo 2 marzo nel santuario di Cargnacco in Friuli. Sabato prossimo invece, nel municipio di Romans d'Isonzo, verrà inaugurata una mostra con gli oggetti recuperati a Kirov, che il gruppo di volontari (che ringraziamo per le foto qui pubblicate) è riuscito a riportare in Italia, tra cui divise, cappotti, scarponi, medagliette religiose e anche preservativi. L'articolo

Video del giorno

Metropolis/126 - Ucraina, Di Feo: "Ecco perchè gli F-35 italiani stanno proteggendo l'Islanda dai russi"

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi