Abiti, cibo e zaini: la rotta dei migranti passa per la Val Rosandra

Sono già ricoperti di mosche e formiche, come spazzatura riversa fuori da un cassonetto delle immondizie o come una discarica. Invece è la Val Rosandra. Tra i cespugli e in mezzo ai sentieri in questi giorni non è difficile imbattersi in cumuli di vestiti, scarpe, coperte, avanzi di cibo, bottiglie e scatolette. Non sono i resti di qualche pic-nic, ma le tracce dei migranti. È anche da qui che passano i profughi della rotta balcanica: afghani e pachistani, soprattutto, che abbandonano i loro Paesi diretti verso il Nord Europa. L'articolo

Video del giorno

Indonesia, come una nuova Pompei: l'eruzione del vulcano Semeru trasforma un villaggio

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi