In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

“Un albero per azionista”: Generali pianta 3500 alberi nelle aree colpite dalla tempesta Vaia

Concluso il progetto “Un Albero per Azionista”, un intervento di riforestazione sul territorio italiano che ha consentito la piantumazione di circa 3.500 alberi

Aggiornato alle 1 minuto di lettura

TRIESTE Generali ha portato a termine il progetto “Un Albero per Azionista”, un intervento di riforestazione sul territorio italiano che ha consentito la piantumazione di circa 3.500 alberi.

L’iniziativa di ripristino ambientale ha coinvolto gli azionisti del Gruppo, collegando la partecipazione all’Assemblea degli Azionisti di aprile 2022 a un gesto ambientale simbolico e concreto nelle comunità in cui la Compagnia è da sempre presente. Per ogni azionista che ha partecipato all’Assemblea, Generali ha infatti piantato un nuovo albero. L’intervento di riforestazione ha riguardato in particolare alcune aree del Trentino duramente colpite dalla devastazione della tempesta Vaia nel 2018.

L’iniziativa è stata avviata in collaborazione con CO2 Advisor, gli enti locali e i consorzi agroforestali quotidianamente impegnati nel ripristino delle aree devastate per realizzare un intervento progressivo e duraturo nel tempo. Attraverso l’impianto e la manutenzione di abeti, larici, faggi, aceri e molte altre specie arboree, l’obiettivo è aumentare la biodiversità, favorire l’assorbimento di CO2 e accelerare il processo di recupero delle foreste, rendendole più resilienti a eventi climatici estremi e maggiormente in grado di contenere frane e valanghe, oltre a fornire alle comunità risorse importanti dal punto di vista paesaggistico.

Nel piano Lifetime Partner 24: Driving Growth la sostenibilità è l’originator della strategia: entro il 2024 l’obiettivo è quello di ottenere un impatto sociale e ambientale positivo e rilevante per tutti gli stakeholder, integrando sempre di più la sostenibilità nei processi, nelle decisioni di business, e mantenendo forte il nostro impegno nella comunità locali come parte integrante del posizionamento strategico complessivo.

I commenti dei lettori