In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Il “San Nicolò in moto” tra le vie per riportare il sorriso tra i bimbi

L’iniziativa del circolo ricreativo della Polizia locale insieme ad altre sigle. La partenza in piazza Oberdan e l’arrivo “trionfale” in piazza Unità

francesco bercic
Aggiornato alle 1 minuto di lettura
Un momento clou del “San Nicolò in moto”. Francesco Bruni 

TRIESTE Per il ventiseiesimo anno di fila, si è svolta ieri l’iniziativa benefica “San Nicolò si mette in moto”, promossa dal Circolo ricreativo della Polizia locale in collaborazione con numerosi altri enti e associazioni.

San Nicolò si mette in moto: il corteo di beneficenza è tornato a Trieste

Il programma della giornata prevedeva attorno all’una di pomeriggio il ritrovo dei motociclisti in piazza Oberdan, da dove è partita la maratona che ha visto poi in piazza Unità il suo momento culminante. Poco dopo le quattordici infatti, una folla gremita di partecipanti e di passanti curiosi ha assistito all’arrivo del “Santo”, che ogni anno viene trasportato con un veicolo diverso per attirare l’attenzione del pubblico. Ieri è toccato a un mezzo dei Vigili del fuoco, dal quale poi è sceso mediante un’apposita scaletta fra gli sguardi attoniti dei bambini.

Un momento del “San Nicolò in moto”. Francesco Bruni 

Dopodiché si è concesso a numerose foto nella cornice preparatagli dai motociclisti, che avevano creato, posteggiandosi, una lunga via di fuga nel centro della piazza. Assistito dal vicesindaco di Trieste Michele Lobianco, presente ieri in rappresentanza del Comune, i due hanno quindi srotolato l’assegno, che ammontava a 20.581.00 euro.

L’importo raccolto, assieme a due camion di generi alimentari, verrà devoluto alla Casa famiglia Gesù Bambino di via Petronio, al Centro di accoglienza di via Valussi e alla Casa di accoglienza La Madre di via Navali.

La stessa manifestazione prevedeva come sempre nel pomeriggio il passaggio del corteo motociclistico nelle strutture coinvolte per visitare i suoi giovanissimi ospiti; aggiungendo così altri doni al contributo economico, oltre alla solidarietà simbolica e affettiva.

I commenti dei lettori