In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Pif porta il caso dello sfratto di Marco Cavallo da Muggia su Radio Capital

Il sindaco di Muggia Paolo Polidori è stato ospite della trasmissione I Sopravvissuti

1 minuto di lettura

“Qualche sindaco vuole ospitare Marco Cavallo?”: la spinosa vicenda dello sfratto della statua simbolo della riforma basagliana ospitata da anni nei magazzini comunali di via Trieste a Muggia, sgombero deciso dall’attuale sindaco leghista Paolo Polidori, approda ai microfoni di Radio Capital, grazie all’interessamento del conduttore e regista Pif.

Suo il post su Instagram con la “richiesta di asilo” per il quadrupede blu, realizzato nel lontano 1973, prima in lego e cartapesta e poi in vetroresina, dai pazienti dell’ospedale psichiatrico di Trieste durante il periodo di Franco Basaglia.

Pif, assieme a Michele Astori, ha ospitato nella trasmissione “I Sopravvissuti” proprio il sindaco Paolo Polidori, dopo aver sentito, nei giorni scorsi, un esponente del gruppo “Educatori contro i tagli” di Bologna proprio sulla vicenda della statua “Marco Cavallo”.

Polidor ha risposto alle sollecitazioni dei due autori, spiegando che “la questione è nata con le precedenti amministrazioni che l’avevano ospitata su richiesta dell’associazione Basaglia e ogni tanto veniva prelevata dai depositi per essere portata in giro. Tra l’altro in un magazzino dove ci sono autovetture della Protezione Civile e materiale di tutti i tipi che non è un posto adatto per un’opera artistica. Ma quello che è importante dire è che non c’è nessun presupposto per cui un’amministrazione comunale debba avere un oggetto di un’associazione privata all’interno dei propri magazzini”.

Dopo un vivace batti e ribatti sul rispetto delle regole da una parte e l’eccezionalità del valore dell’opera dall’altra, la discussione si è poi spostata (e incendiata) sulla questione sui 49 milioni di euro della Lega.

I commenti dei lettori