In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
solidarietà

San Dorligo, in 200 ricordano la strage di 368 migranti al largo di Lampedusa

La marcia della solidarietà organizzata dal Comitato “3 Ottobre” ha percorso un tratto della “Rotta balcanica”

Ugo Salvini
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

SAN DORLIGO DELLA VALLE Una folla eterogenea, composta da più di 150 persone, accomunate dalla volontà di ricordare le vittime della strage del 3 ottobre 2013, quando nel mare di Lampedusa 368 migranti che stavano tentando di raggiungere le coste italiane annegarono, a causa dell’affondamento del barcone che li stava trasportando, è stata la protagonista domenica della marcia della solidarietà a San Dorligo della Valle.

Una manifestazione promossa dal Comitato “3 Ottobre”, sorto proprio per onorare quanti perirono in quella tragedia, e che ha visto i partecipanti radunarsi davanti al cimitero di Dolina, per poi percorrere un tratto di quella che è ormai conosciuta come la “rotta balcanica”, cioè il percorso utilizzato da anni dai disperati provenienti dai Paesi in cui ci sono guerre e carestie per tentare di raggiungere l’Italia.

L’iniziativa aveva anche un altro obiettivo: raccogliere in mezzo ai boschi che circondano San Dorligo della Valle tutto ciò che i migranti abbandonano, cioè vestiti, documenti, avanzi di cibi e bevande, effetti personali, scarpe.

I commenti dei lettori