In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
l’iniziativa

I no green pass tornano a manifestare a Trieste: il corteo contro la guerra

Aggiornato 1 minuto di lettura

TRIESTE. Il Coordinamento No green pass torna a manifestare per le vie di Trieste: attorno alle 18 alcune centinaia di persone (350 secondo la Questura) hanno dato il via a un corteo “contro la guerra e l'emergenzialismo bellico e sanitario". 

"Mai più guerra, mai più green pass" è il coro scandito dalla folla, nella quale spiccano diverse bandiere della pace accanto agli striscioni con la scritta "no green pass". "Neanche un soldo ai militari, date tutto ai sanitari" è uno degli slogan più gettonati.

[[(Video) I No green pass tornano a sfilare a Trieste: corteo contro la guerra]]

Ma non sono mancati anche: "Dopo la pandemia ci portano in guerra. Fuori l'Italia dalla Nato, fuori la Nato dall'Italia" e "Fuori le navi militari dal porto di Trieste". Non sono mancati gli insulti a Draghi.

Ecco le tappe previste:

Dopo la partenza da largo Riborgo il corteo attraverserà Corso Italia, via Imbriani, via Carducci, via Coroneo, foro Ulpiano, via Fabio Severo, via Ghega, via Roma, via Mazzini, via S. Spiridione, per poi tornare di nuovo in largo Riborgo. 

Nel volantino redatto dagli organizzatori il coordinamento si schiera contro la politica guerrafondaia della Nato, contro l’invio di armi in Ucraina e contro i laboratori microbiologici “per la produzione di virus ingegnerizzati e letali ad uso bellico”.

Gli organizzatori hanno richiesto ai partecipanti di non esibire “simboli o bandiere” se non quella della Pace e quella dei No green pass.

I commenti dei lettori