In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
il soccorso

Grado, motoscafo finisce in secca. Portata in salvo una famiglia

I genitori con i loro due bambini di 5 e 2 anni sono stati raggiunti nei bassi fondali della Mula di Muggia: i marinai costretti a scendere in acqua per recuperarli

Antonio Boemo
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

GRADO. Una famiglia gradese, papà, mamma e due bambini di 5 e 2 anni non accorgendosi delle secche dei bassi fondali della Mula di Muggia e soprattutto della marea che è scesa notevolmente, sono rimasti arenati con il loro motoscafo tanto da richiedere il soccorso alla Capitaneria di porto.

Sono stati recuperati dagli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Grado, fatti salire sul gommone della Guardia Costiera e portati a terra. Nessun problema per le persone, nè per il motoscafo che è stato messo in sicurezza e lasciato sul posto per essere recuperato nella giornata odierna.
Il fatto è accaduto nel tardo pomeriggio di mercoledì 17 agosto sul grande e insidioso banco sabbioso della Mula di Muggia, spesso meta di tante persone che finiscono insabbiate con la loro barca. Non si contano, infatti, gli interventi che in questi anni gli uomini di Circomare hanno dovuto effettuare per portare in salvo tanta gente. Sotto il coordinamento della Capitaneria di Porto di Monfalcone, gli uomini della Guardia Costiera di Grado al comando del tenente di vascello Domenico Castro, hanno raggiunto la zona con il gommone, ma per recuperare le persone hanno dovuto scendere in acqua in quanto il motoscafo si trovava in un punto particolarmente basso. I marinai hanno quindi hanno fatto scendere le persone dal loro motoscafo e le hanno accompagnate, quindi camminando tutti in acqua (i bambini in braccio ai genitori), fino a raggiungere il gommone dove sono stati imbarcati e portati a terra. Nessun problema per loro e nemmeno per il motoscafo che tuttavia è rimasto sul posto. Prima, però, è stato messo in sicurezza gettando anche l’ancora e accendendo le luci di segnalazione poiché si deve notare la sua presenza anche nottetempo. Contestualmente Circomare Grado ha provveduto a emettere uno specifico avviso ai naviganti. Nelle giornate appena trascorse la Guardia Costiera di Grado ha effettuato diversi interventi di soccorso, tutti fortunatamente senza problemi alle persone. L’ultimo è avvenuto a ferragosto quando hanno tratto in salvo un uomo e una donna della Bassa Friulana, che erano rimasti in panne con il loro motoscafo finendo in secca nei pressi dell’isola di Sant’Andrea.

I commenti dei lettori