In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

A Cormons scarseggiano i presidenti di seggio, richiamati “in servizio” dopo parecchi anni

Tutto pronto per la consultazione nella cittadina collinare del Collio. Sono otto le sezioni: sei in centro, le altre due a Brazzano e Borgnano

Matteo Femia
1 minuto di lettura

CORMONS. Cormons al voto questa domenica dalle 7 alle 23 per eleggere il sindaco della città per i prossimi 5 anni. Sarà un duello. A sfidarsi alle urne saranno infatti l’uscente Roberto Felcaro, che guida la coalizione di centrodestra formata dalle liste civiche Direzione Cormons e Start, e la consigliera comunale di minoranza nell’ultimo quinquennio Elena Gasparin, a capo delle 4 liste di centrosinistra che la appoggiano: Progetto per Cormons, Uniti per Cormons, Nuova Cormons ed Elena Gasparin Sindaco.

Saranno in tutto 7.101 i cormonesi aventi diritto al voto per le Comunali, una cifra superiore ai 6971 di 5 anni fa quando votarono 3988 persone, il 57,21% del totale. La maggioranza di chi potrà esprimere una preferenza per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale sarà rosa: 3.725 donne contro 3.376 uomini. Ben il 15,8% dei 7.101 cormonesi aventi diritto al voto per le Comunali sono residenti all’estero: sono infatti 1.122 quelli iscritti all’Aire che potrebbero teoricamente votare per le municipali di oggi. Più di un cormonese su 6. quindi, vive fuori dall’Italia.

Emerge così una differenza considerevole col dato dei cormonesi con diritto di voto per i 5 referendum sulla giustizia previsti in contemporanea: sono infatti 5.961 in tutto (2.787 uomini, 3.174 donne). La differenza coi 7.101 che potranno votare per le Comunali è così data, oltre che da una minima porzione riguardante i comunitari che hanno fatto domanda entro il 3 maggio per esprimere il proprio voto cormonese, quasi totalmente proprio dagli iscritti all’Aire.

Sono 8 le sezioni elettorali sul territorio: 6 riguardano il centro cittadino, 2 le frazioni di Borgnano e Brazzano rispettivamente. In queste ore l’ufficio elettorale del Comune sta ricevendo in extremis una nutrita serie di richieste di nuove tessere per il voto, mentre nel pomeriggio di ieri si sono formati i seggi elettorali: a Cormons è stato necessario richiamare, a causa della carenza di candidature in tal senso, presidenti di seggio che non svolgevano da qualche anno tale mansione. Dettaglio importante ai fini del voto: come tutti i Comuni sotto i 15 mila abitanti, non sarà possibile esprimere un voto disgiunto.

Non si potrà dunque contemporaneamente votare un candidato sindaco di una coalizione e una lista e/o dei candidati consiglieri dell’altra coalizione. Si potrà invece esprimere una doppia preferenza nella stessa lista per quanto riguarda i candidati consiglieri, ma bisognerà in questo caso votare un uomo e una donna: non si potrà scrivere sulla scheda due nomi dello stesso sesso.

Alla chiusura dei seggi questa domenica si procederà allo scrutinio dei referendum, mentre lunedì alle 14 prenderà il via quello delle Comunali: il nome del vincitore o della vincitrice arriverà entro sera. —

I commenti dei lettori