Sparò alla convivente triestina che voleva lasciarlo, avvocato condannato per tentato omicidio

La pena è di 9 anni e otto mesi di reclusione per aver sparato a Jessica Maurovich, 31 anni, ex giocatrice professionista di pallavolo

TRIESTE. L'avvocato Riccardo Tarotelli, 43 anni, residente a Berbenno in provincia di Sondrio, è stato condannato dal gup Fabio Giorgi a 9 anni e otto mesi di reclusione per tentato omicidio della convivente Jessica Maurovich, 31 anni, ex giocatrice professionista di pallavolo di Trieste, città in cui risiede.

Il grave fatto di sangue avvenne nella casa della coppia, in Valtellina, il 26 giugno 2019, durante un'accesa discussione. La donna confermò l’intenzione di lasciare l'uomo e Tarotelli le sparò tre colpi d'arma da fuoco in camera da letto per poi allontanarsi con la figlioletta di 18 mesi. Si arrese ai carabinieri poche ore dopo nella baita di famiglia.

In aula, ad assistere Maurovich, l'avvocato Enza Mainini di Morbegno e la collega di Milano, Marina Silvia Mori, quest'ultima parte civile per la bimba. Il pm Stefano Latorre aveva chiesto, nel processo in rito abbreviato, 7 anni. Il gup Giorgi ha stabilito una provvisionale di 50 mila euro a testa per madre e figlioletta.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

"Perché li hanno lasciati andare?". Lo sfogo della sorella di Erica dispersa sulla Marmolada

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi