Contenuto riservato agli abbonati

La crisi non tocca le bollicine e la Doc Prosecco si amplia ancora: duemila ettari in Friuli Venezia Giulia

A Londra e New York bere un calice di Prosecco è diventato quasi uno status symbol e la domanda continua a crescere. Da qui la possibilità di allargare la produzione

TRIESTE La richiesta formale è già stata protocollata dagli uffici dell’assessorato all’Agricoltura. La prossima settimana la giunta regionale prenderà atto della volontà del Consorzio e partirà così l’iter autorizzativo.

Tecnicamente si tratta di un “attingimento straordinario”, ma in realtà cambiano ancora una volta i destini della grande Doc del Prosecco che, da quando è stata istituita nel 2009, ha fatto (e continua a fare) le fortune di 9 province tra Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Video del giorno

Crollo ghiacciaio Marmolada, continuano le ricerche dei dispersi: le immagini dal drone

Tataki di manzo marinato alla soia, misticanza, pesto “orientale” e lamponi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi