Contenuto riservato agli abbonati

Contrordine: la Flex di Trieste ritira la disdetta dei contratti degli 80 interinali. Le tappe della vertenza

La mobilitazione davanti ai cancelli della Flex

Il tavolo ministeriale di venerdì caratterizzato dal gesto dell’azienda, che secondo i sindacati non risolve il problema perché la multinazionale vuole delocalizzare

TRIESTE E la Flex mormorò: non passa lo straniero. Il tavolo ministeriale dedicato alla crisi dello stabilimento elettronico è stato aggiornato a martedì 24 maggio, 107° anniversario dell’entrata italiana nella Prima guerra mondiale. Una data di grande suggestione e di grandi responsabilità, speriamo di favorevole auspicio.

La terza manche in videoconferenza, dopo quelle di giovedì e venerdì scorsi, viene preparata da un gesto di apparente buona volontà da parte aziendale, su presumibile assist di Confindustria: è infatti ritirata la disdetta degli 80 lavoratori “somministrati” che erano stati arruolati attraverso due agenzie interinali.

Il

Video del giorno

Crollo Marmolada, il punto del distacco ripreso dall'elicottero

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi