Contenuto riservato agli abbonati

Il lago di Doberdò è ridotto a uno stagno: monitoraggio degli esperti

Il lago di Doberdò come si presenta in questi giorni

Il grande bacino trasformato in un’enorme distesa di vegetazione secca

DOBERDO’ Il lago di Doberdò si è prosciugato per la prolungata siccità. Dal centro visite Gradina si osserva il grande bacino trasformato in un’enorme distesa di vegetazione secca, con al centro una pozza d’acqua e un piccolo rigagnolo che si collega a sud con gli inghiottitoi.

A controllare l’evoluzione del suo stato di salute e al mantenimento dell’acqua nel bacino si presta l’Università di Trieste con i ricercatori del Dipartimento della Scienza e della Vita guidati da Alfredo Altobelli e Dipartimento di scienze matematiche e geologiche assieme al coinvolgimento dell’Arpa per il monitoraggio delle acque.

«Il

Video del giorno

Marmolada, trovate altre vittime del crollo del ghiacciaio

Tataki di manzo marinato alla soia, misticanza, pesto “orientale” e lamponi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi