Prato in fiamme in località Preval a Mossa

Decisiva la tempestività dell’intervento da parte dei Vigili del fuoco, che ha scongiurato che le fiamme non prendessero il sopravvento

 MOSSA L’allarme è scattato poco prima delle 12.30 di mercoledì. Prima sono intervenuti un’autobotte e un pick-up attrezzato con le insegne dei vigili del fuoco. Qualche minuto dopo è stato chiamato, in rinforzo, un altro mezzo dei pompieri.

La causa dell’intervento? Un incendio, che è divampato in un prato in località Preval, più avanti rispetto alla chiesetta-santuario Regina dei popoli sulla strada che porta a Capriva del Friuli e a Cormòns.

Fondamentale, anzi decisiva è stata la tempestività dell’intervento che ha scongiurato che le fiamme non prendessero il sopravvento. A poca distanza, infatti, c’è una boscaglia ma, fortunatamente, l’intervento dei pompieri ha fatto sì che il fuoco non raggiungesse anche quella zona: lo scenario, in quel caso, sarebbe stato assai più problematico e difficile da gestire. Sul posto è intervenuto anche il personale della Guardia forestale che ha lavorato, gomito a gomito, con gli uomini del comandante Granata.

Al termine dell’intervento, portato a compimento con successo, è stato possibile anche tracciare un bilancio: alla fine, le fiamme si sono estese in un prato, rinsecchito, «per circa 5 mila metri quadrati - hanno spiegato i vigili del fuoco -. Non ci sono state, fortunatamente, problematiche particolari nell’attività di spegnimento».

Ora, si tratta di capire come possano essersi originate le fiamme. Forse, il tutto è stato innescato da un mozzicone di sigaretta lanciato inavvertitamente in quell’area. Questo è un periodo molto delicato: a causare lo stato di allerta è, ovviamente, il periodo di siccità che si sta protraendo da molte settimane. Come spiegato dagli addetti ai lavori, pur essendo fine marzo, è come se fosse agosto: la neve sta via via scomparendo dalle montagne, ma il freddo e la mancanza di piogge non fanno crescere erba, lasciando un terreno brullo e arido, facilmente esposto, quindi, al rischio di roghi, anche di ampie dimensioni.

Insomma: la possibilità che si verifichino incendi è alta ovunque in questo periodo, ma la grave pericolosità in queste zone è data dal rischio che un incendio possa espandersi più velocemente. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Marmolada, trovate altre vittime del crollo del ghiacciaio

Tataki di manzo marinato alla soia, misticanza, pesto “orientale” e lamponi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi