Contenuto riservato agli abbonati

Giallo di Trieste, accanto al corpo di Liliana trovati un guanto elastico e un cordino

Altri reperti recuperati all’ex Opp il 5 gennaio scorso: saranno analizzati venerdì 

TRIESTE Dopo la borsa a tracolla e la bottiglietta, ora spunta anche un guanto. Un guanto «nero, in tessuto elastico con bordo». E pure «un cordino», così dagli atti. I reperti sono stati trovati accanto al cadavere di Liliana Resinovich lo scorso 5 gennaio nella boscaglia del parco dell’ex Ospedale psichiatrico.

Cosa ci facevano un guanto elastico e un cordino vicino al corpo? A cosa sono serviti? Li ha lasciati Liliana o il suo possibile assassino, se si è trattato di omicidio? Se così fosse, sarebbe il primo – ed eclatante – passo falso dell’ipotetico omicida.

Video del giorno

Leonardo Del Vecchio, l'arrivo del feretro alla camera ardente

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi