Contenuto riservato agli abbonati

Rapporto Almalaurea, laureate più brillanti dei colleghi uomini, ma poi vengono pagate il 20% in meno: il divario di genere nello studio e nel lavoro

Una cerimonia di laurea in una foto di archivio e a destra la direttrice di AlmaLaurea Marina Timoteo

Le donne hanno mediamente voti superiori e concludono prima gli studi. Eppure, una volta nel mondo del lavoro, faticano a fare carriera. Ecco la fotografia dei dati e l’analisi di sei donne

TRIESTE È una storia che si ripete, ma che appare di faticosa risoluzione. In Italia le donne sono più motivate e capaci nello studio, più veloci, eppure sono gli uomini, una volta usciti dalle università, a lavorare di più, con contratti migliori e stipendi più alti: mediamente del 20% cento in più.