Contenuto riservato agli abbonati

Il presidente D’Agostino rompe il silenzio dopo le proteste al porto di Trieste. E sul futuro: «Fondi Pnrr a bilancio: si parte»

La prima intervista dopo le minacciate dimissioni: «I lavoratori hanno risposto, ma col Clpt non dialogo»

TRIESTE «Sono tre mesi che non apro bocca». Il silenzio di Zeno D’Agostino dura dai giorni della protesta no Green pass, ma il presidente dell’Autorità portuale rompe il riserbo, perché «c’è una nuova normalità da gestire». È la normalità che segue il disconoscimento del Clpt e la conferma dei fondi del Pnrr, che da ieri l’Autorità portuale può cominciare a spendere.

Video del giorno

Superenalotto, la "porta d'oro" di Sisal. Ecco dove sarà pagato il jackpot da record

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi