Contenuto riservato agli abbonati

Giallo di Trieste, parla la cugina di Lilly: «Non si è uccisa: lì fuori c’è un assassino in giro»

«Non se ne sarebbe mai andata senza pensare a chi resta». I dubbi di Silvia: dall’ex Opp alle chiavi

TRIESTE «Non punto il dito contro nessuno, ma lì fuori c’è un assassino perché Liliana non si è suicidata». Silvia, la cugina di Liliana Resinovich, mette in fila tutti gli elementi trapelati fino ad oggi e fa emergere una serie di punti che non la convincono.

Per primo proprio la ventilata ipotesi, mai esclusa fino ad oggi neppure dalla Procura, che Liliana si sia tolta la vita.

Video del giorno

Roma-Feyenoord, l'occhiolino di Abraham alla panchina dopo aver subito un fallo

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi