In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
nell’istituto l’indirizzo manutenzione e assistenza

La formazione al Pertini per le attività a Panzano incassa nuove iscrizioni

Laura Blasich
1 minuto di lettura



L’accordo con Fincantieri, ma anche la solida preparazione pratica stanno spingendo le iscrizioni all’indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica dell’Isis Pertini, che avrebbe già i numeri per creare due nuove prime il prossimo anno scolastico. Il progetto per la formazione di figure capaci di inserirsi nel mondo di Fincantieri, voluto dal sindaco Anna Cisint e dall’allora direttore dello stabilimento di Monfalcone, l’ingegner Roberto Olivari, si sta del resto consolidando, grazie al supporto del nuovo direttore del cantiere navale, l’ingegner Cristiano Bazzara.

In questo contesto si inserisce quindi la visita che gli studenti dell’indirizzo hanno avuto modo di effettuare in questi giorni a bordo della Discovery Princess, ormai prossima alla consegna. Accompagnati dal responsabile dell’indirizzo Marco Braulin e dai docenti Agrillo, Papa e Rapotti, i ragazzi hanno avuto modo di entrare nei locali tecnici, cuore e testa della nave, riservati agli addetti ai lavori. Gli studenti, forti dell’ospitalità del comandante Gennaro Arma, sono stati guidati nel percorso dagli ingegneri di Fincantieri Mario Spataro e Gianpietro Amicucci. Il percorso di specializzazione dedicato alla navalmeccanica è stato avviato con una terza di 16 studenti, selezionati tra quelli in uscita dalla seconda, all’inizio dell’anno scolastico 2020-2021 ed è proseguito in quest’anno scolastico con la creazione di una nuova terza.

Una volta chiuso l’attuale anno scolastico, gli studenti dell’indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica promossi in terza potranno nuovamente chiedere con i loro genitori di accedere al percorso formativo che è stato pensato per consentire di acquisire competenze ulteriori e specifiche, rispondendo alle esigenze di Fincantieri e aprendo un canale preferenziale per l’ingresso nell’azienda. Il Comune dal canto suo ha continuato a rendere sempre più efficaci i laboratori, assegnando attrezzature in comodato d’uso gratuito d’intesa con le richieste provenienti dall’istituto. L’istituto, che conta al momento 740 studenti e 8 prime, due per ciascun indirizzo, rimane in ogni caso una realtà che fa dell’accoglienza uno dei suoi punti di forza. Lo confermano le 30 tute e gli altrettanti paia di scarpe antinfortunistiche, guanti e occhialini assegnati in comodato d’uso agli studenti dell’indirizzo per venire incontro alle esigenze delle famiglie. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori