Contenuto riservato agli abbonati

Il presidente sloveno Pahor: «I confini etnici sono un pericolo per la Bosnia»

Il presidente sloveno invoca una soluzione pacifica degli attriti Europa-Russia. Janša: «I rapporti con i nostri “vicini” mai stati così buoni dall’indipendenza»

Può chiudere il suo mandato presidenziale con una grande riconoscibilità all’estero, riconoscibilità che ha aiutato anche la diplomazia slovena ha ottenere un posto rispettabile nell’agone mondiale dei rapporti interstatali. Borut Pahor, capo dello Stato della Slovenia, ha così ieri, assieme a premier Janez Janša potuto ribadire la sua visione nei rapporti bilaterali tra il suo Paese e il mondo nell’incontro di inizio anno con il copro diplomatico accreditato in Slovenia.

In

Video del giorno

Superenalotto, la "porta d'oro" di Sisal. Ecco dove sarà pagato il jackpot da record

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi