Contenuto riservato agli abbonati

Processo per il blitz di CasaPound in Consiglio regionale. L’aula: «Costituiamoci parte civile»

La decisione assunta all’unanimità dall’Ufficio di presidenza. A giudizio 18 militanti di estrema destra

TRIESTE Il Consiglio regionale intende costituirsi parte civile in vista dell’udienza preliminare, in programma il 3 febbraio, relativa al procedimento penale contro i 18 appartenenti a CasaPound che nell’agosto del 2020 fecero irruzione a Palazzo nel mezzo dei lavori della sesta commissione, impegnata sul programma annuale immigrazione. L’istanza, approvata all’unanimità dall’Ufficio di presidenza, arriverà sul tavolo della giunta Fedriga. Un passaggio tecnico in quanto l’Avvocatura, cui dovrebbe essere affidato il mandato, è organo alle dirette dipendenze dell’esecutivo.

Video del giorno

Superenalotto, la "porta d'oro" di Sisal. Ecco dove sarà pagato il jackpot da record

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi