Contenuto riservato agli abbonati

I retroscena sul giallo di Trieste: il ruolo dei vicini di casa di Lilly nell’avvio delle indagini

Lui carabiniere, lei poliziotta, ambedue in pensione: la coppia conosce sia il marito che l’amico e ha convinto entrambi a rivolgersi alla Questura dopo la scomparsa

TRIESTE. C’è una coppia, carabiniere e poliziotta entrambi in pensione, che ha dato un contributo decisivo per ricostruire - quantomeno parzialmente - le ore in cui è scomparsa Liliana Resinovich. Sono i vicini di casa dei Visintin in via Verrocchio. Contattati, i due hanno declinato l’invito a riferire direttamente quello che fino ad oggi hanno acquisito su questa tragica vicenda, ma dalle testimonianze del marito di Liliana, Sebastiano Visintin, così come da quelle dell’amico del cuore Claudio Sterpin, emerge come la coppia abbia dato un indubbio impulso alle indagini.


Video del giorno

Superenalotto, la "porta d'oro" di Sisal. Ecco dove sarà pagato il jackpot da record

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi