Contenuto riservato agli abbonati

Ucciso a Trieste, i genitori di Alì alla famiglia di Robert: «Vi cediamo la nostra casa»

I Kashim in una lettera esprimono ai Trajkovic il loro dolore e si dicono pronti a trasferire la loro proprietà immobiliare

TRIESTE  I genitori di Alì Kashim hanno inviato una lettera a quelli di Robert Trajkovic, ucciso la notte del 7 gennaio scorso dallo stesso Alì nel sottoscala dello stabile di via Rittmeyer 13, in cui si dicono pronti a cedere loro la casa di proprietà come primo atto concreto, tangibile, di vicinanza nei loro confronti.

La raccomandata è stata spedita a metà settimana, e testimonia il profondo dolore che anche il padre e la madre del ventunenne Alì, ora in carcere come reo confesso di quell’efferato delitto, stanno provando.

Video del giorno

Superenalotto, la "porta d'oro" di Sisal. Ecco dove sarà pagato il jackpot da record

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi