Contenuto riservato agli abbonati

«Storia inquietante: difficile pensare a un allontanamento volontario»

La giallista Ilaria Tuti: «Mi auguro si trovi il colpevole. Se qualcuno ha ucciso è libero e pericoloso»

TRIESTE. «Mistero e inquietudine», dice Ilaria Tuti, giallista di Gemona del Friuli che, anche per mestiere, ha letto con molta attenzione le cronache sul caso Resinovich. Accanto alle considerazioni sulla dinamica dell’accaduto, non manca una osservazione amara: «In questa vicenda, purtroppo, quello che è molto canonico è il fatto che, quando sparisce una donna, è difficile pensare a un allontanamento volontario.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Sole e temperatura mite a Trieste, anche a gennaio la domenica al mare

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi