Contenuto riservato agli abbonati

Ancora tanta confusione sulla variante Omicron

Il commento del noto biologo molecolare triestino

Può sembrare paradossale, ma se ci pensiamo bene il 2022 si apre con un’ottima notizia: a dispetto dell’aumento dei casi di infezione il vaccino protegge la stragrande maggioranza delle persone dall’ammalarsi gravemente.

Le statistiche sono schiaccianti e inequivocabili in questo senso: il numero di persone infettate che finiscono in ospedale è macroscopicamente più basso ora rispetto allo stesso periodo dello scorso anno nonostante il numero di contagiati sia più alto.

Video del giorno

Giorgia Soleri: "Vi racconto storie di malattie invisibili come la mia". La rubrica su Salute

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi