L’ambulatorio di Sagrado inaugurato cinque anni fa può finalmente aprire due volte alla settimana

Arriva da lunedì la dottoressa Medeot da Fogliano Redipuglia. E il paese attende un altro rinforzo per “liberare” il Gradiscano

Stavolta ci siamo per davvero. Gli abitanti di Sagrado e le sue frazioni potranno contare nuovamente sulla presenza di un medico di medicina generale sul territorio. La prossima settimana, infatti, sarà operativo l’ambulatorio inaugurato nella località di Sdraussina/Poggio Terza Armata nel 2018, eppure rimasto vuoto da allora per le ben note vicissitudini che vedevano il paese ostaggio di una kafkiana situazione: “conteso”, cioè, fra gli ambiti sociosanitari di Destra e Sinistra Isonzo.

Pur figurando nell’ambito Basso Isontino per l’assistenza sociosanitaria – fra cui la medicina di base – Sagrado non rientrava nel medesimo ambito per quanto concerne la medicina di base. Problema, questo, accentuato dalla quiescienza dell’ultimo professionista operante in paese, il dottor Fanelli, ultimo medico di medicina generale in paese. Con la conseguenza che gli utenti sono da tempo costretti a rivolgersi a Gradisca o Fogliano Redipuglia, con conseguenti enormi disagi. Un po’ qua e un po’ là, nella migliore tradizione italica. E così, pur contando su un medico la dottoressa Francesca Medeot – che da anni ha dato la propria disponibilità a lavorare nell’ambulatorio nuovo di zecca, Sagrado non aveva sinora mai potuto assegnarlo in quanto la professionista era afferente al Distretto “sbagliato”, il Basso Isontino.

Questo aspetto è finalmente rientrato. Da marzo scorso, per decreto regionale, Sagrado fa finalmente parte del cosiddetto Consorzio di Doberdò del Lago (che comprende anche Fogliano Redipuglia, Ronchi, San Canzian e Turriaco). E Medeot potrà servire i pazienti di Sagrado, Poggio, Peteano e San Martino del Carso. Inizialmente lo farà per due giorni la settimana. La notizia è stata confermata in queste ore dal primo cittadino, Marco Vittori, che nei mesi scorsi non aveva nascosto la propria frustrazione per le pastoie della burocrazia che tenevano in ostaggio il piccolo ambulatorio. «Se neppure entro l’anno sarà sbloccata la situazione, o più in generale della presenza del medico a Sagrado, mi incatenerò da qualche parte» aveva ironizzato, ma neanche troppo.

Non si renderanno dunque necessari, seppure in extremis, gesti eclatanti. Per l’ambulatorio all’incrocio fra le vie Poligono e IV Novembre il Comune conta di prevedere nel prossimo futuro anche un «infermiere di comunità». Ma Vittori guarda già oltre. «Lo sblocco della situazione relativa all’ambulatorio è sicuramente una grande boccata d’ossigeno – commenta – ma non dimentichiamo l’obiettivo principale, che è quello di un medico di base operante in pianta stabile in paese o nelle sue frazioni. E su questo ho ottenuto rassicurazioni che mi attendo non vengano disattese». Tradotto: ben venga il via libera all’essenziale impegno della dottoressa Medeot («Cui siamo riconoscenti per la pazienza») per due giorni la settimana, ma il “bersaglio” rimane arrivare a un secondo medico. In base all’articolo 34 dell’Accordo collettivo nazionale, infatti, l’atto con cui Asugi aveva finalmente inserito Sagrado nell’ambito del Basso Isontino prevede anche l’obbligo – per il futuro nominato – di vincolo ad esercitare in paese (o nelle sue frazioni). «Su questo le tempistiche sono certamente fumose e vorrei che i cittadini comprendessero che tali dinamiche non dipendono da un sindaco – ribadisce Vittori –. A ogni modo credo che Asugi andrà a scorrere la graduatoria per l’assegnazione di sede e dovrà trovare un professionista interessato ad avere come sede la nostra comunità. Confido non sia impossibile, e che Sagrado dopo alcuni anni possa dunque contare su un’offerta finalmente adeguata di medici di base, evitando ai nostri concittadini di “emigrare” nei paesi limitrofi per visite e prestazioni» conclude il sindaco.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Rugby, la meta che genera sospetti: il giocatore aspetta due minuti per schiacciare la palla

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi