Contenuto riservato agli abbonati

Assunzioni fittizie e permessi di soggiorno: rinviati a giudizio in 12 con l’accusa di falso

Avrebbero indotto in errore i funzionari delle questure

TRIESTE Dodici indagati, di fatto tutti stranieri, per lo più originari dell’Europa orientale, sono stati rinviati a giudizio in relazione al rinnovo di permessi di soggiorno per i quali, secondo l’ipotesi di accusa, sarebbero stati indotti in errore funzionari dell’Ufficio immigrazione, in particolare le Questure di Gorizia e di Trieste. Un rilascio di permessi, anche non andato a buon fine, sulla scorta del ritenuto “falso” presupposto in ordine all’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato, come suppone la Procura.

I

Video del giorno

Volata choc a Castelfidardo, morto il dirigente investito dal ciclista friulano Venchiarutti

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi