Ritrovato in una boscaglia l’autovelox sparito a Natale vicino all’abitato di Sales

il caso

SGONICO


È stata ritrovata ieri mattina, dai Carabinieri di Aurisina, la colonnina per la misurazione della velocità delle vetture in transito divelta la notte di Natale ai bordi della Provinciale 6, a poca distanza dal borgo di Sales. La colonnina è stata individuata dai militari in una boscaglia ai margini della stessa Provinciale 6, nei pressi di Ternova. La sua collocazione era stata decisa da Monica Hrovatin, sindaco di Sgonico, che negli ultimi mesi era stata più volte allertata dai residenti dei centri toccati dalla Provinciale 6, testimoni di un continuo e disinvolto sfrecciare a notevole velocità di molti automobilisti. Era così scattata l’operazione “Attentamente”.

«Si trattava – ricorda Hrovatin – di apparecchiature utili solo a misurare la velocità, non collegate a strumentazioni delle forze dell’ordine che potessero poi portare a sanzioni o altro. La nostra intenzione era di monitorare la situazione per poter eventualmente rivolgerci poi a Polizia stradale e Carabinieri».

La colonnina è stata restituita all’amministrazione di Sgonico, che l’aveva presa in affitto dalla società “Noi sicuri project” di Brescia. I Carabinieri di Prosecco intensificheranno ora le indagini per cercare di risalire ai responsabili di un atto che ha rilevanza penale.—

u.sa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana, il marito: "La verità verrà fuori"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi