In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
fogliano redipuglia

In aula via libera al bilancio 2022-2024 Sciolta la convenzione con Sagrado arriverà il nuovo segretario comunale

LU. PE.
1 minuto di lettura

FOGLIANO REDIPUGLIA

Consiglio comunale impegnativo quello che si è riunito nei giorni scorsi a Fogliano Redipuglia. All’ordine del giorno, nei 14 punti portati in approvazione, il bilancio di previsione 2022-2024, ma anche lo scioglimento della convenzione tra i Comuni di Fogliano Redipuglia e Sagrado per la segreteria, con il conseguente arrivo del nuovo segretario, il programma dei lavori pubblici e, ultimo ma non meno importante, il regolamento di Polizia Urbana.

Il bilancio, dunque, ammonta a 5.352.661 euro da cui bisogna togliere 594.900 euro di partite di giro che transitano nel bilancio, come ritenute e cauzioni. La competenza effettiva, dunque, è di 4.757.761 euro. Da Tari e Imu sono entrati 866.211 euro. «Per quanto riguarda l’Imu – sottolinea il sindaco Cristiana Pisano – sono confermate le aliquote dell’anno precedente, così come le detrazioni. Per l’addizionale comunale siamo fermi al 3x1000 fissato ancora nel 2007. Ringrazio l’assessore Benella che segue il bilancio passo dopo passo e gli uffici che si sono dati da fare per portare in consiglio questo bilancio di previsione che passa in pochi comuni entro il termine fissato al 31 dicembre». Varie le spese che il Comune sosterrà nel 2022, con 2.996.324 euro di spese correnti, di cui, solo per citare alcune voci, 708.780 di redditi da lavoro dipendente, 1.666.789 euro di acquisto di beni e servizi, e 283.706 euro di trasferimenti correnti. Altro punto importante l’approvazione del nuovo regolamento di Polizia Urbana. «Lo scopo – precisa Pisano – è regolamentare i comportamenti delle attività che influiscono sulla vita cittadina e salvaguardare la convivenza dei cittadini». Alcuni argomenti sono interessanti, ovvero le attività vietate, la nettezza del suolo, i rifiuti, lo sgombero neve e le disposizioni sul verde privato. Ma anche regolamentare la presenza di strumenti musicali o altri impianti acustici che possono influire sulla vita cittadina, come gli allarmi antifurto.—

LU. PE.

I commenti dei lettori