In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

ROMANS

Il contenzioso tra il Comune e l’azienda di telefonia mobile Iliad tiene banco a Romans. Il Tar ha accolto il ricorso presentato da Iliad contro il diniego del Comune alla collocazione di un’antenna in località Pradigoi perché, come illustrato dal sindaco Michele Calligaris, le norme del piano di telefonia mobile sono considerate limitative rispetto alle prerogative concesse agli operatori. Il Comune in ogni caso, anche su parere del legale incaricato, ha deciso di appellarsi al Consiglio di Stato. «Stiamo resistendo contro la collocazione dell’antenna in quanto Iliad non ha dato nessuna risposta riguardo all’impossibilità di utilizzare i siti individuati nel piano comunale o di postazioni già attive in coabitazione con altri operatori», spiega il sindaco.

Nelle variazione di bilancio ci sono anche 9.500 euro proprio per affrontare il contenzioso con l’azienda di telefonia, che ha visto il capogruppo di opposizione di Identità e progresso, Stefano Careddu, esprimere il proprio sostegno al proseguo delle azioni legali a tutela del territorio. Sempre nei banchi dell’opposizione Francesco Albasini ha espresso invece perplessità riguardo ai costi legali, chiedendo al sindaco se fosse fondato dal punto di vista giuridico il diniego del Comune e quali prospettive ci sono ora con la decisione della resistenza in giudizio. Calligaris ha sottolineato che ci sono diversi elementi che hanno fatto propendere per la scelta di continuare la battaglia legale: «La volontà è quella di lottare fino alla fine e intendiamo resistere per far valere i nostri diritti e per una questione di dignità».

Le variazione di bilancio hanno riguardato altri tre capitoli di spesa: 19.500 euro finalizzati alla verifica strutturale di un immobile (ex cinema Impero), 28 mila euro per il piano attuativo legato all’ex polveriera e 3 mila euro per il bocciodromo (spese per sistemare l’impianto dopo l’ennesimo atto vandalico). La delibera è passata con il voto della maggioranza, Identità e progresso e Insieme si sono astenuti, Albasini contrario. —



I commenti dei lettori