Contenuto riservato agli abbonati

Fedriga sotto scorta per le minacce no vax, la solidarietà è bipartisan

La politica si schiera con il governatore. Salvini: «Vicino all’amico». Brunetta: «Sto con Max». Serracchiani: «Basta con il clima d’odio»

TRIESTE. La politica si schiera dalla parte di Massimiliano Fedriga e della sua linea di fermezza nei confronti di chi, in piena quarta ondata, continua a resistere, a non vaccinarsi, a sostenere tesi antiscientifiche. A firmare post social o comunicati di sostegno al presidente sotto scorta a causa delle minacce no vax, sono big nazionali, a partire dal leader leghista Matteo Salvini («La violenza non è mai la soluzione, solidarietà all’amico»), parlamentari eletti in regione e i gruppi di maggioranza e di opposizione del Consiglio regionale.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana, il marito: "La verità verrà fuori"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi