Contenuto riservato agli abbonati

Trieste, le parole del portuale no Green pass intubato: «Sono pentito di non essermi vaccinato»

Eduard, 47 anni, aveva partecipato alle proteste al varco 4: «Prima non credevo al virus ma adesso sono qua in ospedale con i polmoni distrutti e ho cambiato idea»

TRIESTE Si è un po’ pentito di non essersi vaccinato? Sì, risponde Eduard Irinel Ciobanu, 47 anni, portuale triestino di origini romene, ora ricoverato nel reparto Pneumo Covid dell’ospedale di Cattinara. Ha i tubi nel naso per ricevere ossigeno, quell’ossigeno che il virus gli ha fatto mancare. «Sono sempre intubato – afferma –, mi hanno bucato dappertutto per salvarmi, perché mi hanno detto che i polmoni sono veramente distrutti», dice ai microfoni del giornalista di “Non è l’arena”, entrato nel reparto per intervistare i pazienti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Giornata della memoria a Trieste, il sindaco invita Arcigay alla cerimonia in Risiera

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi