Contenuto riservato agli abbonati

Tra vecchio e nuovo Trieste è una città condannata ad andare in porto

Cronache di uno scalo senza tempo, dai fasti imperiali asburgici al punto franco sospeso

TRIESTE «Il ministro dei lavori pubblici ordinò di sollecitare i lavori del porto dell’Havre perché possa ricevere i grossi navigli transatlantici, fissando all’uopo la somma di 35000 franchi». La prima notizia portuale sul numero uno del Piccolo (29 dicembre 1881) riguarda il porto francese. Alla vigilia della Grande Guerra, Le Havre è il primo porto europeo per il caffè. Poi arriverà Trieste.

[[ge:gelocal:il-piccolo:trieste:cronaca:1.40975264:gele.Finegil.StandardArticle2014v1:https://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2021/12/01/news/la-citta-emporio-se-non-avesse-il-porto-trieste-non-sarebbe-davvero-trieste-punto-e-basta-1.40975264]]

1882.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana, il marito: "La verità verrà fuori"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi