Contenuto riservato agli abbonati

Dna vietnamita, francese ma soprattutto triestino: le radici senza confini di Alda

La parabola riemersa a Bolzano, dove ora risiede, di una “mula” nata nel ’42 in questa città per una serie di circostanze straordinarie

il personaggio

Un po’ vietnamita, un po’ francese, un po’ bolzanina. Ma, soprattutto, triestina. Alda Mathion Bonatta, 80 anni tondi da compiere nel 2022, è tutto questo grazie alle radici della sua famiglia. Radici che ora sopravvivono proprio grazie ai suoi ricordi. Si è raccontata di recente a Luca Fregona, capocronista del quotidiano Alto Adige, in una lunga intervista rilasciata in quella che oggi è la città in cui vive, Bolzano, dov’era nato il secondo marito, l’ingegner Franco Bonatta.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Sci paralimpico, Mondiali: Martina Vozza in azione assieme alla guida Ylenia Sabidussi

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi