Contenuto riservato agli abbonati

Gorizia, un positivo Covid alla scuola primaria Ferretti: la classe (per ora) va in quarantena

GORIZIA Anche la scuola primaria Ferretti ha dovuto mettere in quarantena un’intera classe dell’istituto. Ciò alla luce delle nuove regole per il mondo della scuola più restrittive che sono state diffuse martedì in giornata.

Regole che poi in serata sono state smentite da fonti di governo. Se inizialmente era stata prevista la quarantena di tutta la classe per un solo caso positivo, nel tardo pomeriggio da Roma è arrivato il dietrofront: le regole per la dad, rivelano dall’Esecutivo, rimangono quelle attuali.

 Per quanto riguarda la giornata di mercoledì, alla Ferretti, è stato nel frattempo già predisposto il ricorso alla didattica a distanza, in attesa, a questo punto, di una circolare esplicativa da parte del Ministero della Salute.

La decisione alla primaria in questione è stata presa dalla dirigenza dopo l’accertamento di un caso positivo al test molecolare, su disposizione del Dipartimento di prevenzione di Asugi. A docenti e alunni toccherà qualche giorno di quarantena, al termine della quale verrà fatto un tampone che dovrà risultare negativo per interromperla. La dad è stata predisposta da oggi fino a successive disposizioni. Nel frattempo sono stati prenotati gli appuntamenti per sottoporre a tampone tutti gli alunni e gli insegnanti della classe. La proceduta seguirà due diverse modalità. I vaccinati e i negativizzati negli ultimi sei mesi si dovranno presentare in parco Basaglia già oggi mentre negli altri casi si procederà con i tamponi molecolari appena questo venerdì. Fastidiose le conseguenze per chi non dovesse presentarsi all’appuntamento: sarà soggetto a un provvedimento di quarantena della durata di 14 giorni dall’ultimo contatto con il caso positivo. Le nuove regole, introdotte questa settimana in considerazione dell’aumento dei contagi, hanno di fatto annullato il protocollo firmato appena un mese fa dall’Iss e dalle regioni con l’obiettivo di contenere la dad nelle scuole primarie e secondarie. Fino a due giorni fa se il contagiato in classe era soltanto uno gli altri alunni restavano tutti in presenza, ma sotto osservazione con un tampone molecolare o rapido da fare subito e un altro a distanza di 5 giorni. Ora i tempi si allungheranno e pure le conseguenti seccature. Continuano, infine, anche oggi le lezioni in Dad al Liceo Slataper di via Diaz in seguito all’accertamento di alcune positività. Si è in attesa dell’esito dei tamponi per le prossime decisioni da parte della dirigente scolastica Petitti.

Video del giorno

Giornata della memoria a Trieste, il sindaco invita Arcigay alla cerimonia in Risiera

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi