Contenuto riservato agli abbonati

Volontarie, stoffe e colori: a Trieste torna “La borsa che dona” con 400 pezzi unici a sostegno dell’assistenza

L’associazione De Banfield rilancia il progetto che, attraverso le offerte per le creazioni artigianali, vuole aiutare malati di Alzheimer e familiari

TRIESTE. Quando la solidarietà si veste di seta, stoffe e colori. Un tema che caratterizza la seconda edizione del progetto “La borsa che dona”, iniziativa a cura dell’Associazione Goffredo De Banfield, sigla che da decenni si occupa delle problematiche legate agli anziani e nello specifico dei soggetti affetti da Alzheimer e delle loro famiglie.

Il valore del dono, la missione del volontariato e gli effetti dell’assistenza specialistica.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana, il marito: "La verità verrà fuori"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi