Troppi pochi vaccini e tornano le mascherine: per la regione Friuli Venezia Giulia un primato al contrario

Piazza Unità d'Italia a Trieste sabato 27 novembre, Foto di Andrea Lasorte

Tutti con le mascherine all’aperto nell’intera regione. I primi, e per ora gli unici, su una scala così vasta. Che sconfitta per noi tutti. Non si venga a dire che la responsabilità non è nostra e che il virus penetra attraverso i confini e che ci sono stati i cortei no green pass, la Barcolana, le maratone, il caso. No. La nostra è stata una resa pianificata, deliberata, conseguente a scelte affatto inaspettate. Il Friuli Venezia Giulia è fra le regioni con il minor tasso di vaccinati. E non succede per paura di questo vaccino. Storicamente l’adesione a tutte le campagne è fra le più basse d’Italia. Medici, infermieri e altre professioni sanitarie si sono contraddistinti negli anni per stare alla larga perfino dall’anti-influenzale. Che cosa dire? Nulla. Se non che ha ragione il Governo a pretendere l’obbligo vaccinale per tutti i corpi strategici dello Stato: oltre ai professionisti direttamente impegnati nella lotta alla pandemia, tutte le forze dell’ordine, i vigili del fuoco, i lavoratori della scuola.

Mascherine e restrizioni anticipate sono una brutta nemesi per un territorio che ama raccontarsi al mondo come piccolo presidio di molte qualità in tutti i campi, dalla cultura alla scienza all’economia. I commenti orribili che si possono leggere sotto le dichiarazioni del presidente Massimiliano Fedriga testimoniano, invece, una moderna barbarie appena mitigata dal silenzioso impegno per la sicurezza propria e altrui di quanti si sono vaccinati.

Da domani quell’urlo «libertà libertà» si infrangerà su limitazioni fastidiose, anche se minime, accompagnato dalle solite recriminazioni ancor più odiose perché le avremmo potute scansare.

Ci sono vittime ogni giorno. I contagi hanno ripreso a correre, il numero dei ricoverati impensierisce. Non è solo effetto del Covid, lo avete capito, sì? —

Video del giorno

Giornata della memoria a Trieste, il sindaco invita Arcigay alla cerimonia in Risiera

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi