Contenuto riservato agli abbonati

Il Pd: «Consiglio comunale su A2A con la presenza della Regione. La giunta Fedriga chiarisca la sua posizione. La centrale lasci spazio al porto»

MONFALCONE La transizione dell’area della centrale A2A da polo energetico ad hub per la crocieristica, o comunque a polmone per l’espansione del porto, impone di ritenere chiuso il tempo delle barricate.

Il Pd monfalconese se da un lato apre a un lavoro congiunto con l’amministrazione comunale per bloccare il progetto di nuovo impianto a gas presentato dalla società termoelettrica, di cui sono azionisti di controllo i Comuni di Milano e Brescia, dall’altro, però, chiede che si apra un confronto in Consiglio comunale, presente la Regione.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, la passeggiata cinematografica è a Melara

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi