Contenuto riservato agli abbonati

Governo sotto accusa: in Serbia i manifestanti bloccano le autostrade

Manifestanti a Belgrado tentano di forzare il blocco della polizia

BELGRADO La principale autostrada bloccata all’altezza della capitale, altre strade interrotte, tensione alle stelle, incidenti, scaramucce e diversi arresti. È il bilancio di quella che potrebbe essere stata solo la prima battaglia di una lunga guerra che si va a combattere in Serbia. È quella dichiarata da attivisti, ambientalisti e manifestanti anti-governativi contro due leggi su temi sensibili – referendum ed espropriazione – che non piacciono a molti, perché sarebbero state disegnate apposta per favorire grandi ma controversi progetti minerari, come quello dell’estrazione del litio da parte del colosso Rio Tinto, nella Serbia occidentale.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, la passeggiata cinematografica è a Melara

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi