Contenuto riservato agli abbonati

Il porto di Trieste ha retto l’urto delle proteste di ottobre: traffici totali su del 5,7%

In calo solo i contenitori passati da +3,3% di inizio mese a - 15% dopo i blocchi. D’Agostino soddisfatto: «I manifestanti volevano la paralisi, non ci sono riusciti»

TRIESTE «Buono lo stato di salute generale». Sembra un bollettino medico l’incipit della nota inviata dall’Autorità portuale per fare il bilancio definitivo dell’operatività dello scalo durante le manifestazioni no Green pass indette dal Clpt il 15 ottobre. Il bollettino dice che il paziente ha avuto qualche fibrillazione ma che ora sta bene. I primi dieci mesi dell’anno segnano una crescita (in alcuni settori a due cifre) rispetto al non semplice 2020 e «nel mese di ottobre il porto regge il tentativo di blocco», con perdite nel solo settore container.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

"Chiara mi vuoi sposare?": la proposta di Ester sul campo di rugby a fine partita a Bari

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi