Contenuto riservato agli abbonati

Presidenziali 2022 in Slovenia i primi nomi del dopo Pahor

La leader dei socialdemocratici in Slovenia, Tanja Fajon

Svetta la candidatura dell’eurodeputata cattolica di destra Ljudmila Novak che non conferma. A sinistra spuntano Dejan Židan, Milan Brglez ma la più “forte” sarebbe Tanja Fajon

TRIESTE. Per la Slovenia sarà un anno elettorale l’oramai prossimo 2022, quando i suoi cittadini saranno chiamati ad aprile a rieleggere il Parlamento e a fine ottobre a scegliere il nuovo presidente della Repubblica.

Se la campagna elettorale per le politiche è in pratica iniziata quando i partiti di opposizione di sinistra all’attuale governo del premier sovranista e conservatore Janez Janša hanno dato vita a una coalizione proprio per cercare di arginare lo strapotere elettorale espresso dal Partito democratico di Janša (Sds), da almeno otto anni forza di maggioranza relativa, per le presidenziali a dimostrarsi più reattiva e decisionista è stata fin qui la destra.

Video del giorno

Metropolis/126 - Ucraina, Di Feo: "Ecco perchè gli F-35 italiani stanno proteggendo l'Islanda dai russi"

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi