Contenuto riservato agli abbonati

Incendio all’ex Bertolini: sono stati 6 gli sforamenti di polveri sottili. Il picco martedì a Mossa

L’innalzamento è avvenuto dopo il cambio del meteo e lo smassamento della plastica

MOSSA È stato il pomeriggio di martedì il momento più nero, al pari del fumo salito al cielo di Mossa, per le emissioni generate dall’incendio che ha devastato il capannone dell’ex stabilimento Bertolini. Se nelle prime ore successive allo scoppio delle fiamme il meteo e in particolare forza e direzione del vento avevano favorito la dispersione dei fumi e delle emissioni inquinanti, con il mutare delle condizioni meteorologiche nel pomeriggio di martedì, in abbinata con le operazioni di smassamento dei rifiuti ridotti in cenere, si sono registrati nuovi superamenti delle soglie di riferimento nella concentrazione delle particelle Pm10 (il limite giornaliero è di 50 ug/m3).

Video del giorno

Comunali 2022, primo dibattito pubblico tra candidati sul futuro di Gorizia

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi