Contenuto riservato agli abbonati

I terminalisti olandesi a Fiume: «Sfida a Trieste e Capodistria»

Apm Terminals si dice pronta a investire 100 milioni di euro per le attrezzature.  Previsti 400 nuovi posti di lavoro che diventeranno 800 se si calcola l’indotto

FIUME Comincerà ad essere operativo fra tre anni e mezzo e nella sua prima fase di attività e occuperà sulle 400 maestranze. Si tratta di molo Zagabria, il secondo terminal contenitori a Fiume, costruito nel 2019 da un consorzio italiano e che di recente – tramite la firma del relativo contratto – è stato assegnato in concessione cinquantennale all'olandese Apm Terminals e alla croata Enna Logic.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Metropolis/13 Live Speciale Quirinale - Salti di fine stagione. Con Corrado Augias e Stefano Folli

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi