Contenuto riservato agli abbonati

A Monfalcone il Natale in piazza: mongolfiera sospesa e pista a forma di biscotto

Per Cisint la parola d’ordine è: «Identità». Un maxi presepio e luci accese dal 21 novembre. Spettacoli in teatro con pass

MONFALCONE Ognuno si è fatto la propria idea su cosa sia un classico Natale. Anna Cisint non ha dubbi: dicembre a Monfalcone è sopra ogni cosa «identità». E se la filosofia infiocchetta il pacco, dentro la scatola si trovano elementi collaudati, con qualche libera variazione sul tema: luci, pattinaggio, chioschi di ghiottonerie, zampognari, luci, gospel, trenino, giostre, abeti e villaggio di babbo natale. New entry del 2021, che nelle intenzioni dell’ente promette di far impallidire l’intrattenimento della passata edizione: il pianoforte gigante interattivo per suonare con i piedi a mo’ di tip tap le melodie del periodo. E poi la mongolfiera statica e luminosa sopra piazza della Repubblica, dove peraltro – sempre in «richiamo identitario» verrà posizionata «la nuova pista da ghiaccio a forma di biscotto e di ben 600 metri quadrati, per sottolineare la riqualificazione della piazza» –, la parata di Natale (24 dicembre) e lo spettacolo delle Befane sui trampoli (6 gennaio 2022).

Ieri mattina in municipio, dunque, su il sipario sulle manifestazioni dicembrine, illustrate dal sindaco Cisint per l’occasione attorniata, oltre che dalla funzionaria Federica Ghirardo, dagli assessori Luca Fasan, Michele Luise, Massimo Asquini e Giuliana Garimberti. Quest’ultima insieme alla sua Rebecca, mascotte a quattro zampe con tanto di pupazzetto kitsch a forma di babbo natale (a proposito il 19 dicembre è stato annunciato il Christmas dog, evento canino). «L’obiettivo è di confezionare un Natale per i residenti e per le attività economiche», ha esordito la prima cittadina. Tra parentesi i negozianti, per premiare quanti vorranno consumare lo shopping in città, regaleranno ai clienti i biglietti gratuiti di accesso alla pista di pattinaggio su ghiaccio. Un’iniziativa targata Ascom, Vivacentro, Confartigianato e Cna.

Mentre, come spiegato da Fasan, su altro fronte i titolari dei fori commerciali si impegneranno realizzando i decori delle vetrine sui temi delle iniziative via via in corso, compresa l’inaugurazione della mostra su Kandinskij e le avanguardie, il 17 del prossimo mese alla galleria di piazza Cavour. Una targa da assegnare agli addobbi di maggior effetto stimolerà la creatività (e la competizione) di esercenti e commercianti. Che a dicembre, in alcuni casi, come dichiarato sempre dall’assessore al Marketing, «raccolgono il 30-40% del fatturato annuo».

Il Natale, pertanto, un periodo su cui l’amministrazione tiene gli occhi apertissimi, affinché tutto fili liscio a dispetto del Covid-19. Infatti, come sottolineato da Ghirardo, tutti gli eventi aderiranno alle prescrizioni anti pandemia. Sicché gli spettacoli veri e propri, tranne le performance degli artisti di strada con la winter edition di Ur.Ca (11-12 dicembre), si allestiranno solo a teatro, con accesso contingentato e Green pass obbligatorio. La municipalità peraltro è sgravata, nell’organizzazione di eventi, delle spese per i sistemi di vigilanza in chiave anti virus, risultando beneficiaria degli stanziamenti regionali Arena Covid free, tra i 25 e i 50 mila euro. «La prudenza – ha commentato il sindaco – non sta nel non fare, bensì nel come fare le cose». A proposito di spese ieri Cisint riferiva di un «Natale più ricco, ma meno dispendioso», con spese abbattute per un quinto rispetto al 2020 e impegno delle casse municipali «limitato alla copertura del 30% sul saldo, che dovrebbe attestarsi tra i 180 e i 200 mila euro». La grossa fetta delle risorse dunque da Regione e Cciaa. Esordio delle festività il 21 novembre, con l’accensione delle luminarie (sono previsti punti luce, alberi e illuminazione ad hoc nei rioni). La pista di pattinaggio a forma di biscotto troverà collocazione dal capo nord della piazza fino a poco oltre l’intersezione con via Sant’Ambrogio. La casetta di babbo natale invece a sud, tra gli alberi, alle spalle del villaggio luminoso per i selfie. Subito dopo l’albero e il maxi presepe, slittato davanti alla Casa del bambino, «in posizione più evidente», sempre Cisint. In piazza Unità invece i chioschi di frittelle, castagne e brulè, assieme all’esposizione dell’artigianato. In via Sant’Ambrogio giostre e autoscontri. Trenino dell’Apt fino all’Epifania.

Video del giorno

Sci paralimpico, Mondiali: Martina Vozza in azione assieme alla guida Ylenia Sabidussi

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi