Contenuto riservato agli abbonati

Dipiazza studia un’ordinanza contro i raduni. Il sottosegretario Sileri: «Inevitabile il freno ai cortei se il virus si diffonderà ancora »

L’assessore regionale alla Sicurezza Roberti: la città vuole lavorare. Rosato: «Non può esistere la libertà di contagio»

TRIESTE. Non più l’interdizione della sola piazza Unità, ma un’ordinanza comunale per limitare gli assembramenti in tutta Trieste. Il sindaco Roberto Dipiazza studia come contenere le manifestazioni no pass e no vax, dopo l’aumento dei casi di Covid che sta facendo della provincia giuliana il territorio con maggiore incidenza dei contagi a livello nazionale. Il trend si accompagna all’aumento delle ospedalizzazioni e la questione arriva sul tavolo del governo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Sci paralimpico, Mondiali: Martina Vozza in azione assieme alla guida Ylenia Sabidussi

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi