Contenuto riservato agli abbonati

Trieste, sei campi di Padel Fvg al confine con il Bagno ferroviario

La decisione del Comune su quattro proposte. Un investimento da 1 milione, cinque mesi di cantiere

TRIESTE Nel percorrere viale Miramare in direzione di Barcola, a un certo punto sulla sinistra si staglia, al di là di un caotico intreccio di vecchi binari e di verde incolto, la ribassata silhouette del Bagno ferroviario. Ebbene, proprio quel caotico intreccio di “sine” e arbusti diventerà il più importante impianto triestino per il gioco del “padel”, una sorta di tennis importato dall’America Latina da giocare in coppia su un campo dove non esiste l’out.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

La Palma, il drone riprende il fiume di lava che si fa largo tra le case

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi