Crisi Covid, Fondo Gorizia e Confidi vitali

Bilancio positivo dei cinque anni della Venezia Giulia per il presidente Paoletti: «Dati vincenti dall’unione delle Camere»

GORIZIA La strada della fusione non solo era naturale, ma anche l’unica via per dare valore e forza a una realtà come quella di ora, la Camera di commercio della Venezia Giulia che oltre a diventare un volano per imprese e le realtà economiche ha decuplicato il suo valore in termini economici e di peso politico.

È emerso con la chiarezza dei numeri e dei dati ieri alla presentazione del bilancio di mandato 2016-2021, cinque anni molto importanti che nonostante il grave periodo delle chiusure a causa della pandemia, hanno dato molto frutto a un territorio, la Venezia Giulia che sta correndo sul fronte della produzione e del valore.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Piancavallo, di notte vanno in scena i "rally clandestini"

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi