A Ronchi 1.158 multe in 9 mesi Intensa la tutela ambientale

Fontanot: «Non si tratta solo di analizzare le contravvenzioni, è aumentata la presenza degli agenti sul territorio ed è maggiore il rapporto con i cittadini» 

/RONCHI

Una presenza molto più massiccia sul territorio e, di conseguenza, numeri sull’attività che sono più importanti rispetto al passato.


Sono quelli che, a Ronchi dei Legionari, riassumono l’attività della Polizia locale nei primi nove mesi dell’anno. E non si tratta solo di far rispettare le norme del Codice della strada. Anche se, nel periodo preso in esame, la realtà guidata dal commissario capo, Paola Trinco, ha comminato ben 1.158 sanzioni. Erano state 1.050 in tutto nel 2020. A queste, poi, vanno aggiunti tredici verbali per il mancato rispetto dei regolamenti comunali, contro i ventuno di tutto l’anno passato.

Anche il Covid-19 ci ha messo del suo e la Polizia locale ha staccato dodici verbali per il mancato rispetto delle norme.

È stata inoltre importante, ancora una volta, l’attività messa in campo sul fronte ambientale, con 185 sopralluoghi, un numero ben più ampio di quello del 2020, con 37 interventi per l’abbandono dei rifiuti o per le aree in stato di degrado.

Sempre da gennaio a settembre la Polizia locale ronchese ha svolto 547 accertamenti anagrafici (787 nel 2020), ha messo in campo 46 atti di carattere economico e finanziario, ha notificato 14 notizie di reato ed ha emesso 62 ordinanze relative al Codice della strada, contro le 61 del 2020.

Sono state 45 le cessioni di fabbricato, 75 quelle di ospitalità, 20 le notifiche per conto della Procura o della Prefettura e 27 i procedimenti per oggetti smarriti o rinvenuti. Erano stati quindici lo scorso anno.

Sempre sul fronte dell’attività di Polizia stradale, nei primi nove mesi di quest’anno sono state trenta le attività di controllo con telelaser ed autoscan, trentacinque le attività legate alla videosorveglianza del territorio, cinque gli incidenti stradali rilevati. Ai quali si aggiunge l’assistenza a ventidue tra funerali e processioni e quattro a manifestazioni varie.

«È un’attività importante e, voglio dire, messa in campo con professionalità e competenza. L’amministrazione comunale – ha commentato l’assessore Roberto Fontanot – ha investito molto sulla Polizia locale, con mezzi e dotazioni ed anche implementando, solo in parte, l’organico».

Fontanot ha aggiunto: «I risultati si vedono e non si tratta di analizzare solamente il numero delle contravvenzioni che sono state elevate. Quello che salta all’occhio è la presenza degli agenti sul territorio ed il rapporto con i cittadini, fatto di collaborazione, di disponibilità e, quando serve, di inflessibilità contro i trasgressori».

Intanto presto la Polizia locale di Ronchi dei Legionari potrà contare su un nuovo agente.—

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

"Chiara mi vuoi sposare?": la proposta di Ester sul campo di rugby a fine partita a Bari

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi